Sarracciano, sit-in di protesta contro il maxi impianto fotovoltaico

Macerata – Non si placano le polemiche sull’impianto fotovoltaico che potrebbe sorgere molto presto a Sarrocciano. Residenti, associazioni e comitati hanno manifestato la loro contrarietà con in diverse occasioni e forme. L’ultima contestazione si è svolta questa mattina, proprio nella località e sul terreno in cui dovrebbero essere posizionati i pannelli alti 3,37 metri di un mega-impianto della ditta Merloni di Fabriano. Con il sit-in è ufficialmente iniziata, alla presenza di Claudio Cimarossa Loretta Dichiara, responsabili del comitato Natura Libera di Corridonia e Morrovalle, e di Tonino Quattrini Coordinatore regionale del ‘Fronte Verde Ecologisti Indipendenti’ che ha dichiarato: «Non si può sopportare che un’azienda che delocalizza le proprie imprese all’estero, lasciando centinaia di lavoratori in mobilità utilizzi soldi pubblici accedendo alle sovvenzioni regionali, nazionali ed europee per realizzare un mostro nella più fertile campagna con un vero e proprio scempio del paesaggio e dell’ambiente agricolo. Non è possibile che la Regione accetti un progetto di tali dimensioni, la desertificazione di 12 ettari di terreno agricolo non può essere tolta al suo naturale equilibrio ecologico, le colture sono un naturale rigenero a salvaguardia della lotta alle polveri PM 10 e PM 2,5, è assurdo che in una zona dove è prevista l’ordinanza regionale di vietare, in alcune ore il traffico, la Provincia e il Comune di Corridonia autorizzino il mega-impianto». Presenti alla manifestazione anche una delegazione di Futuro e Libertà ed altri movimenti ed associazioni.

Print Friendly, PDF & Email
Seguici