Imu agricola, Vincenzo Galizia: “una tassa iniqua”

Roma – L’imu agricola è legge da giovedì, e in molti hanno già pagato. Prendiamo il caso della piccola regione Umbria: qui vale circa 7.4 milioni di euro l’Imu agricola. E sempre qui, a seguito del via libera del Parlamento al decreto legge, i proprietari di terreni che insistono in 23 comuni (su 92 complessivi), tra cui Perugia, Terni e Spoleto, si preparano a versare entro il 31 marzo l’imposta del 2014, anche se molti come confermano da Confagricoltura hanno già pagato. Il decreto, convertito in legge giovedì, che reintroduce la tassa sui terreni agricoli è, secondo Vincenzo Galizia, “un attacco di Matteo Renzi ai danni degli agricoltori. – e continua – Renzi colpisce gli agricoltori con una tassa iniqua ed ingiusta come l’Imu. Noi ci schieriamo invece a fianco degli agricoltori contro questo folle decreto.
Renzi e il suo Governo, invece di incentivare e valorizzare il lavoro agricolo lo colpiscono duramente. Come al solito il Premier attacca chi non dovrebbe e lascia stare chi dovrebbe, come chi elude il fisco trasferendo le proprie sedi all’estero” conclude così il suo intervento il leader degli ecologisti indipendenti.

Print Friendly, PDF & Email
Seguici