Giornata Mondiale dell’Ambiente dedicata all’inquinamento atmosferico. Vincenzo Galizia: “Fondamentale abbandonare i combustibili fossili”

Roma – La Giornata Mondiale dell’Ambiente [World Environment Day (WED)] è stata istituita dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite nel 1972 per ricordare l’apertura della Conferenza di Stoccolma sull’ambiente umano. Viene ricordata ogni anno il 5 giugno, ed è uno dei principali veicoli attraverso cui le Nazioni Unite stimola in tutto il mondo la consapevolezza dell’ambiente e migliora l’attenzione e l’azione politica. Quest’anno la Giornata Mondiale dell’Ambiente è dedicata all’inquinamento atmosferico “rappresenta una delle principali minacce per la nostra salute. l’Onu ci invita a ridurre il nostro impatto ambientale” dichiara in una nota Vincenzo Galizia Presidente nazionale degli ecologisti indipendenti di ‘Fronte Verde’ che continua “l’inquinamento atmosferico uccide oltre sette milioni di persone ogni anno, rappresentando la causa principale di morti premature nel mondo. È quindi un’emergenza sia sanitaria che ambientale. L’inquinamento atmosferico contribuiscono in maniera determinante ai cambiamenti climatici e all’acidificazione degli oceani, oltre a minacciare le colture ad uso umano. Si deve ridurre l’inquinamento atmosferico per garantire benefici sia per la salute dei cittadini e sia e per il clima. In oltre porterebbe vantaggi significativi anche per le economie. Per ridurre le emissioni del settore agroalimentare occorre innanzitutto cambiare l’insostenibile modello degli allevamenti intensivi riducendo la densità degli animali allevati e alimentandoli in maniera consona, mentre i singoli cittadini possono eliminare o ridurre il consumo di carne e prodotti caseari. Per migliorare la qualità dell’aria è fondamentale abbandonare i combustibili fossili in favore delle energie rinnovabili. Attualmente 82 paesi su 193 hanno incentivi che promuovono investimenti nella produzione di energia rinnovabile, efficienza energetica e controllo dell’inquinamento. È inoltre importante ridurre le emissioni dei veicoli e migliorare la raccolta, la separazione e lo smaltimento dei rifiuti” conclude Galizia leader degli ecologisti.

Print Friendly, PDF & Email
Seguici