Guerra in Siria, Vincenzo Galizia: “Boicottare la Turchia. Stop armi”

Roma – In merito all’attacco dell’esercito turco al nord della Siria è intervenuto Vincenzo Galizia Presidente nazionale di “Fronte Verde” che ha dichiarato quanto segue: “L’Europa, l’Onu, gli Stati Uniti e la Russia devono boicottare la Turchia e non farsi intimorire dalle minacce di Erdogan. Purtroppo storicamente alla Turchia è stato sempre concesso tutto, dal genocidio degli Armeni all’occupazione di Cipro è arrivato il momento di dire basta. L’invasione dell’esercito turco è inaccettabile bisogna fermarla e scongiurare una nuova destabilizzazione dell’area. I curdi, con le donne in prima fila, sono stati determinanti per sconfiggere l’Isis. Non si possono abbandonarli ora nelle mani di Erdogan. Assad ha trovato un accordo con i curdi per aiutarli, truppe di Damasco stanno accorrendo in soccorso nel nord del Paese per contrastare l’offensiva turca, anche gli Stati occidentali devono fare la loro parte. Innanzitutto serve un blocco totale delle armi e delle forniture militari che vengono inviate dagli Stati esteri (compresa l’Italia) al Governo di Ankara, sia per gli accordi già in essere sia per quelli futuri, ed anche l’UEFA sul piano sportivo può fare la sua parte togliendo la finale di Champion’s League ad Istanbul” conclude Galizia.

Print Friendly, PDF & Email