L’Italia dei vizi e dei piccoli crimini in tempo di crisi

di Elena Grinta*

Mi domando che cosa stia succedendo a tutte quelle piccole idiosincrasie dell’uomo contemporaneo che nella visione escatologica Cristiana ed Ebrea è per ontologia peccatore.

Che si tratti di piccole fughe dal proprio ruolo prestabilito e normalizzato dal buon senso e dal Bon Ton o si tratti di veri e propri piccoli crimini, in questo preciso momento storico immagino un’Italia (e presto un Occidente) in sofferenza.

Per esempio che ne è dei frequentatori delle Lucciole, giovani glabri scapoli o mariti fedifraghi annoiati da mogli rinunciatarie e insoddisfatte?

Mi è difficile immaginare che sul documento giustificativo un frequentatore abituale possa scrivere che la necessità è spinta dall’abituale espletazione di un desiderio incontrollabile e altrettanto mi pare improbabile che una professionista di questo settore possa scrivere che si sta recando sul luogo di lavoro

Certo ci sono modelli fai da te che possono sopperire a questa piccola crisi di mercato ma l’affollamento domestico che in questi giorni vedrà un’iper-presenza di persone (a cui le mura di casa non hanno mai assistito prima!) rende difficile crearsi degli spazi in cui navigare sulla rete, anche per solo qualche minuto, per soddisfare un bisogno così impulsivo. Forse è per questo che PornHub ha deciso di promuovere la gratuità dei propri servizi premium: il calo delle connessioni nelle ultime settimane di domiciliari deve avere impattato sul loro business!

Anche gli habituè delle sigarette simpatiche devono in questo momento sopportare la claustrofobia della rinuncia; se i tabaccai infatti sono rimasti aperti – il fumo è una dipendenza sponsorizzata dallo Stato – i consumatori di marijuana troveranno tutti i negozi specializzati chiusi e l’approvvigionamento nei canali alternativi è sostanzialmente impossibile. Non parliamo poi del consumo in regime coatto, soprattutto per le giovani generazioni che in casa si vedrebbero ostacolati e all’aperto si vedrebbero scoperti. Non so quanto il dark web possa essere utile nella commercializzazione parallela, se poi non trovi uno spazio dove consumare…

Immagino che non siano solo le sostanze stupefacenti e la prostituzione a inflazionare il giro d’affari delle organizzazioni criminali in questo momento; immagino che anche il settore del gioco d’azzardo sia stato fortemente rallentato. Sto parlando delle macchine slot machine a disposizione ad ogni angolo della città, almeno in alcune zone d’Italia gestite illegalmente da reti criminali, ma anche del giro di scommesse illegali, le bische e tutti quei servizi che fanno leva sulla ludopatia, patologia a mio avviso di gran lunga sottostimata in Italia e nel mondo. Il gambling online sarà in fermento: nelle prime tre settimane di febbraio, i download di giochi in Cina sono aumentati dell’80% rispetto al download settimanale medio per tutto il 2019

Ci siamo occupati dell’Economia delle dipendenze in questo articolo scritto con Stefano Serafinelli
Che effetto fa non poter evadere? e non solo fisicamente, perchè siamo costretti tra le mura domestiche, ma non poter evadere commettendo quei piccoli peccati che ci vengono concessi per poter uscire dalla prigione delle nostra vite anche solo per qualche ora a settimana, rendendo più sopportabile lo status quo?

Chissà cosa sta succedendo in quelle famiglie a bassa frequentazione – famiglie cioè con due figli preadolescenti, un padre manager con un incarico internazionale e una madre professionista, tutti impegnati in attività settimanali ad alta intensità, abituati a frequentarsi un paio d’ore al massimo nei giorni infrasettimanali e a spendere tutti i weekend in attività occupative del tempo, che rendono significativo l’impegno che ciascuno mette nel castello di carte destinato a crollare.

Questa sarà la prova più difficile che ogni individuo è chiamato a superare – e non solo i più deboli, economicamente in sofferenza, poco istruiti, ai margini della società. No, questo è il momento in cui ogni individuo potrà e dovrà (se vorrà sopravvivere a questa crisi) mettere in campo risorse interiori, riscoprire i propri valori profondi e gestire il proprio tempo ritrovando la linea del proprio orizzonte.

Un modello non disegnato a immagine del Sistema dai mezzi di comunicazione e dalla Pubblicità, ma un modello pensato su misura nelle proporzioni umane.

Le aziende e le istituzioni hanno Tempo per riflettere, una volta tanto, sul loro ruolo nella Società. E’ tempo di ripensare il significato delle persone giuridiche (o ‘artificiali’) – pubbliche e private. “Ma – come dice Raj Patel nel suo ‘Il valore delle cose’ – le perdite provocate dalla abbandono delle vecchie abitudini saranno più che controbilanciate dalle nuove”.

*Elena Grinta si occupa di comunicazione da 20 anni, ha lavorato nel marketing di grandi aziende internazionali e italiane e quindi conosce i meccanismi della persuasione pubblicitaria. Ha deciso di investire il suo know how e le sue competenze per aiutare aziende e cittadini nella trasformazione positiva. Ha fondato la Start up For Benefit EG Media
http://www.beintelligent.eu/it/about-2/

Print Friendly, PDF & Email
(Visited 11 times, 1 visits today)