FRONTE VERDE – ECOLOGISTI INDIPENDENTI

L’Ecologia è la nostra Natura, l’Indipendenza la nostra Cultura

Fronte Verde è un movimento di cittadini che cerca di difendere la natura e lo sviluppo umano in armonia con l’ambiente attraverso proposte politiche concrete per una maggiore giustizia sociale e una migliore qualità della vita.

Come sosteneva Alex Langer: “l’ambientalismo non è né di destra né di sinistra”


– Comunicati –

13 Giugno 2024Agrigento 13.06.2024 – Ad Agrigento mercoledì 12 giugno al Consorzio Universitario Empedocle di Agrigento, si è svolta una “Conferenza civica su Agrigento 2025” organizzata dal Sindaco di Agrigento Dott. Francesco Miccichè, l’Assessore con delega alla Cultura di Agrigento Costantino Ciulla e dal presidente della Fondazione “Agrigento 2025”, Prof. Giacomo Minio, rivolta agli operatori culturali ed ai cittadini. Il Sindaco di Agrigento Franco Miccichè apre i lavori ravvedendo la necessità di aprire il dibattito e il confronto su tutto ciò che attiene all’avvento dell’anno di Agrigento Capitale italiana della Cultura 2025 invitando i partecipanti a contribuire con proposte concrete attraverso l’iscrizione ai seguenti tavoli tecnici di lavoro: 1) Comunità e governance degli spazi pubblici coadiuvato dalla Direttrice del Giardino della Kolymbethra Federica Vernon Sullivan Salvo; 2) Creatività e produzione culturale coadiuvato dalla Direttrice del Farm Cultural Park Florinda Sayeva; 3) Ospitalità e Accoglienza turistica coadiuvato dalla Dott.ssa Viviana Buscemi; 4) Centro Storico e Periferie coadiuvato dalla Prof.ssa Valeria Scavone; Alla conferenza civica molto partecipata, ha preso parte al tavolo tecnico Comunità e governance degli spazi pubblici Alberto Crapanzano presidente dell’associazione culturale “Nuvola Bianca” di Favara e dirigente nazionale del movimento ecologista “Fronte Verde” il quale ha avanzato 3 proposte culturali e politiche inerenti i temi dell’educazione, della valorizzazione dei territori e della pace. Alberto Crapanzano  in  merito  a quest’ultimo  tema  della  Pace  ha  invitato  il  Sindaco  di  Agrigento  Dott. Francesco  Miccichè, ad aderire  al TPNW, il primo trattato internazionale nato a Washington in una conferenza delle  Nazioni Unite legalmente vincolante per la completa proibizione delle armi nucleari, rendendole illegali, che avvia un percorso verso la loro completa eliminazione, il quale si è impegnato a sottoscriverlo. A chiudere i lavori è stato il presidente della Fondazione “Agrigento 2025”, Prof. Giacomo Minio, il quale ha dichiarato: «Questo è solo un primo incontro, dal quale è emerso la partecipazione di tanti esponenti di associazioni culturali, teatrali, turistiche di gran parte del territorio agrigentino. Agrigento Capitale della Cultura 2025 è l’occasione irripetibile per migliorare il territorio della Provincia di Agrigento con i suoi 43 comuni ricchi di bellezze, storia e cultura e tutti insieme dobbiamo impegnarci per la riuscita di questo evento». [...] Continua a leggere…
6 Giugno 2024Roma 06.06.2024 – Il “Fronte Verde“, movimento ecologista in alleanza politica con la Lista “Libertà, di cui è componente con il proprio logo all’interno del simbolo, per le prossime elezioni europee dell’8 e 9 giugno, sostiene il Manifesto/Appello predisposto e presentato da ISDE Italia e dal documento della rete europea Ambiente e Salute HEAL, di cui ISDE Italia è il referente per il nostro Paese, in occasione della XIII edizione delle giornate Italiane Mediche per l’Ambiente presso l’Ufficio del Parlamento Europeo in Italia a Roma. Inquinamento e cambiamenti climatici provocano ogni anno in Europa decine di migliaia di decessi, che potrebbero essere drasticamente diminuiti attuando politiche ambientali che mirino alla salvaguardia dell’ambiente ed ad una riduzione dei rifiuti, del consumo di suolo e della cementificazione selvaggia, dell’inquinamento dell’acqua, del suolo e dell’aria, con nuovi limiti alle emissioni in atmosfera causate dalle attività produttive umane. E’ anche necessario incentivare sempre più la produzione di cibo sano e genuino per un’alimentazione sostenibile e priva di pesticidi nocivi alla salute valorizzando i territori e l’agricoltura contadina, creando microeconomie interagenti tra di loro a filiera corta. Ridurre del 60% la produzione globale della plastica è un’azione da attivare subito; essa è una piaga che deve essere fermata per salvaguardare la salute di ogni essere vivente, è un problema ambientale sempre più esteso, non solo legato all’inquinamento causato dalla produzione e dallo scarto dei rifiuti, ma anche dalle cause legate alla sua dispersione nell’ambiente che ci circonda. Per un’Europa più verde e più sana il “Fronte Verde” ritiene che sia necessario difendere il Pianeta tutti i giorni ed invita a votare l’8 e 9 giugno prossimi in tutta Italia i candidati della lista “Libertà”, l’unica vera novità elettorale di queste elezioni europee 2024 con un programma solido, con proposte concrete, con una visione chiara per il futuro che tra i suoi 20 punti si pone alla difesa della salute, della pace, del sistema agroalimentare, dell’inquinamento, dei territori, degli animali e che possa impegnarsi per migliorare le politiche ambientali e sanitarie al Parlamento Europeo e dar voce al Manifesto/Appello raccomandato dall’Associazione Italiana Medici per l’Ambiente sensibile ai rischi reali che si corrono per il futuro dei cittadini europei e delle future generazioni. Scelte sbagliate potrebbero avere conseguenze gravi ed irreparabili. https://www.isdenews.it/isde-italia-ai-candidati-elezioni-ue-impegno-a-politiche-per-lambiente-e-la-salute/ I Candidati della lista “Libertà” in tutte le circoscrizioni che sostiene il “Fronte Verde”: ITALIA NORD OCCIDENTALE: Sergio De Caprio detto “Capitano Ultimo“, Sara Cunial e Francesco Amodeo ITALIA NORD ORIENTALE:  Francesco Amodeo, Sara Cunial e Vito Comencini ITALIA CENTRALE: Sergio De Caprio detto “Capitano Ultimo“, Evelin Di Lupidio e Francesco Amodeo ITALIA MERIDIONALE: Sergio De Caprio detto “Capitano Ultimo“, Laura Castelli e Cateno De Luca ITALIA INSULARE: Cateno De Luca e Laura Castelli   Direzione Nazionale “Fronte Verde” Vincenzo Galizia Presidente nazionale – Alberto Crapanzano Responsabile “Organizzazione” [...] Continua a leggere…
31 Maggio 2024Fiumicino 31.05.2024 – Ieri 30 maggio si è svolta a Fiumicino in Piazza Grassi un incontro elettorale promosso dal “Fronte Verde” e dal “Partito Pensionati” componenti della lista “Libertà” promossa da Cateno De Luca e presente in tutta Italia alle prossime elezioni europee del 8 e 9 giugno. Presenti tra gli altri: Vincenzo Galizia Presidente Nazionale “Fronte Verde” che ha aperto la manifestazione dichiarando: «Siamo totalmente contrari a questo tipo di Europa di banchieri e burocrati, la nostra visione è di una nuova Europa dei popoli e delle Patrie, dei comuni, del popolo e non delle caste. La lista “Libertà” soggetto formato da 19 movimenti è l’unica vera novità politica ed è l’unica forza antisistema». Successivamente sono intervenute le candidate al parlamento europeo Sabrina Aguiari che ha dichiarato: «Dobbiamo essere uniti per poter vincere questa sfida, siamo l’unica resistenza a questo sistema liberticida. Bisogna andare a votare» e Monica Natali. Successivamente è intervenuto il prof. Mario Canino dirigente nazionale “Fronte Verde”, la manifestazione è continuata con l’intervento del prof. Nino Galloni anche lui candidato all’Europee che ha dichiarato: «Dobbiamo ribadire in Europa, che noi con il Trattato di Lisbona ci siamo impegnati a non fare due cose, non stampare banconote in euro perché competenze della BCE e non immettere più monete metalliche che la BCE ci assegna da un centesimo a due euro, ma non si dice niente ne per le monete da più di due euro ne possiamo coniare quante ne vogliamo, non si dice di biglietti di stato, stato note che sono una cosa diversa rispetto alle banconote, non si dice niente della moneta elettronica. Quindi la sovranità monetaria è ancora nelle mani degli Stati nazionali.  Della cosiddetta Unione Europea, io la chiamo Disunione Europea, noi possiamo immettere una moneta non a debito dello Stato, risolvendo tutti i nostri problemi. Dobbiamo portare avanti questa battaglia è fondamentale ritrovare l’unità di tutti coloro che vogliono opporsi al sistema, che vogliono cambiare le cose, che vogliono dire basta senza se e senza ma, subito a qualunque guerra, dobbiamo fare chiarezza sulla questione sanitaria. Voglio concludere per ottenere un pareggio di bilancio serve la moneta non a debito per fare equilibrio di bilancio serve immettere moneta non a debito quanto ne serve per coprire le spese in disavanzo rispetto alle tasse. Questa diventa la stella polare, la bibbia per chi vuole fare politica in Europa senza stare a verificare una continua erosione delle prospettive dei nostri giovani, dobbiamo farcela, dobbiamo gridare queste cose sulle piazze, nei ministeri. Datemi una mano perché c’è la dobbiamo fare tutti insieme». Dopo il prof. Galloni è stata la volta di Michele Cremona Segretario Nazionale “Partito Pensionati” che ha presentata l’ospite principale della serata Sergio De Caprio “Capitano Ultimo” candidato all’Europee che ha preso la parola: «Noi vogliamo difendere e valorizzare l’Europa dei comuni 8.000 in Italia e 88.000 in Europa. I comuni vanno messi al centro dell’assetto amministrativo, sono loro che possono risolvere i problemi reali che hanno i cittadini. Noi vogliamo una politica nuova non ideologica, mettendo il territorio al centro della politica, per creare sviluppo attraverso i Contratti di costa, di fiume e di lago. Strumenti che l’Europa ci ha dato ma che non vengono utilizzati.  E poi vogliamo riportare i giovani ad appassionarsi alla politica. Sulla Mafia noi abbiamo creato un percorso di lotta che fondamentalmente si articola su tre punti vincenti. Prima di tutto l’introduzione della legislazione premiale che ha consentito un’espansione del numero collaboratori di giustizia: strumento che ha sgretolato la forza principale dell’organizzazione mafiose cioè la loro segretezza. Poi abbiamo capito che era importante trasferire la lotta anche a livello del circuito carcerario e quindi abbiamo introdotto il 41 bis. Certo è avvenuto solo dopo la morte di Giovanni Falcone, ma questo dipende sempre da una classe politica vergognosa. Quindi l’ergastolo ostativo: al mafioso che non collabora non sono concessi benefici, né a lui né ai parenti che non si distaccano pubblicamente da lui. Ora va concluso questo percorso di lotta. Sull’energie rinnovabili dobbiamo incrementare il fotovoltaico che può rendere indipendenti i comuni, la salvaguardia dell’ambiente deve essere al primo posto. Uniti come un fronte verde, siamo tutti Fronte Verde”. All’evento hanno preso parte tra gli altri anche Evelin Di Lupidio candidata all’Europee e Massimo Rampin dirigente nazionale “Fronte Verde”. [...] Continua a leggere…
27 Maggio 2024Montecosaro 27.05.2024 – Ieri domenica 26 maggio si è svolto a Montecosaro, in una sala gremita un incontro per l’Elezioni europee dell’8 e 9 giugno promosso dal “Fronte Verde” componente della coalizione della “Libertà” simbolo presente sulle schede elettorali per il rinnovo del parlamento europeo. Sono intervenuti: Vincenzo Galizia Presidente nazionale del movimento “Fronte Verde” che ha aperto la conferenza stampa ed ha ricordato «Siamo totalmente contrari a questo tipo di Europa di banchieri e burocrati, la nostra visione è di una nuova Europa dei popoli e delle Patrie e come dice il Capitano Ultimo dei comuni del popolo e non delle caste». Successivamente è intervenuto il prof. Mario Canino che ha tenuto un intervento di presentazione dell’ospite dell’evento il Capitano Ultimo ricordando come «Il nostro eroe ha dovuto sempre combattere a volte con pochi uomini e pochi mezzi la mafia riuscendo anche a sconfiggerla con l’arresto di Totò Riina. Capitano Ultimo inoltre è sempre stato come dice il nome dalla parte degli ultimi anche con l’opera che svolge nella Tenuta della Mistica da lui gestita». Dopo la presentazione di Canino ha preso la parola il Capitano Ultimo che ha tenuto un appassionato discorso ricordando: «Noi puntiamo a introdurre una visione nuova dell’Europa e dell’Italia. Un’Europa dei comuni 8.000 in Italia e 88.000 in Europa. I comuni vanno messi al centro dell’assetto amministrativo. Le regioni e il governo dovrebbero occuparsi dei problemi dei comuni italiani, che sono i problemi reali che hanno i cittadini. con una politica nuova che non è ideologica, ma si basa sul bene comune che equivale a occuparsi dei comuni attraverso i Contratti di costa, di fiume e di lago. Strumenti che l’Europa ci ha dato ma che non vengono utilizzati. Questo vuol dire mettere il territorio al centro della politica, per creare sviluppo. E poi vogliamo riportare i giovani ad appassionarsi alla politica». Sul conflitto tra Ucraina e Russia e sulla Mafia il Capitano Ultimo ha dichiarato: «Credo che il compito dell’Italia nel mondo sia difendere la pace a tutti i costi. Io credo che queste guerre dimostrino il fallimento e l’incapacità di un’intera classe diplomatica e di tutta la politica internazionale. E di questo fallimento devono risponderne. Sulla Mafia noi abbiamo creato un percorso di lotta che fondamentalmente si articola su tre punti vincenti. Prima di tutto l’introduzione della legislazione premiale che ha consentito un’espansione del numero collaboratori di giustizia: strumento che ha sgretolato la forza principale dell’organizzazione mafiose cioè la loro segretezza. Poi abbiamo capito che era importante trasferire la lotta anche a livello del circuito carcerario e quindi abbiamo introdotto il 41 bis. Certo è avvenuto solo dopo la morte di Giovanni Falcone, ma questo dipende sempre da una classe politica vergognosa. Quindi l’ergastolo ostativo: al mafioso che non collabora non sono concessi benefici, né a lui né ai parenti che non si distaccano pubblicamente da lui Ora va concluso questo percorso». Dopo il Capitano Ultimo ha portato i suoi saluti Paola Pantanetti candidata sindaco di Montecosaro ed Evelin Di Lupidio Candidata al Parlamento europeo nella lista “Libertà”. [...] Continua a leggere…